La Apple – da tempo – si sta muovendo per colmare le sue lacune in termini di privacy degli utenti, eppure, ancora una volta è finita nelle mani degli hacker che hanno trafugato ben 12 milioni di Udis con i dati personali dei loro proprietari. 

Un nuovo attacco sferrato ai danni della Apple da un gruppo di cosiddetti cyberattivisti AntiSec, legati alla rete Anonymous. Sembra infatti che abbiano trafugato qualcosa come 12 milioni di ID Apple Univoque Device, vale a dire sequenze di 40 caratteri alfanumerici in grado di identificare in modo univoco i vari dispositivi elettronici Apple, siano essi iPhone oppure iPad.

L’annuncio di questa attività di hacking non è rimasta senza dimostrazione, infatti gli AntiSec hanno immediatamente pubblicato su Pastebin con un comunicato ufficiali, circa un milione di Udid verificati. Sarebbero arrivati in possesso di questi identificativi tramite l’FBI che in un tweet è stata anche ringraziata in modo molto ironico.

In pratica, sotto l’attacco hacker ci è finito il computer di un agente speciale, tale Christofer K. Stangl che sarebbe stato collegato in rete. Per introdursi nella base dati è stata sfruttata una falla di Java (si parlava dei problemi di Java proprio in questi giorni).

AntiSec è entrata in possesso di Udid, ma anche di numero di cellulare, indirizzi privati ed altri dati sensibili.