Ieri, ASUS non ha portato a Milano soltanto i nuovi device che l’azienda presentava contemporaneamente a Berlino: altri cinque tablet con Android sono stati immessi sul mercato in estate, dal 28 agosto. Due sono le varianti del Nexus 7, tre – che illustrerò qui di seguito – appartengono alla gamma dei MeMO Pad. Installano Android 4.2.1 con le personalizzazioni di ASUS e sono rivolti a due target differenti. Io ho potuto provare molto meglio il primo, perché è stato regalato a tutti i giornalisti intervenuti all’evento milanese.

MeMO Pad HD 7 – È un tablet di fascia bassa, acquistabile da luglio a 149€, che prevede un quad-core prodotto per ASUS a 1.2GHz con 1Gb di RAM e 16Gb di memoria interna – espandibili via MicroSD. È soltanto WiFi ed è proposto in diverse colorazioni: secondo me è ottimo come un primo tablet, come di fatto è stato per il sottoscritto che attende la spedizione del nuovo Nexus 7. Non è “leggerissimo”, però monta una fotocamera posteriore da 5Mpixel. Con il controllo parentale di Android 4.3 sarà adatto agli studenti delle elementari o delle medie.

MeMO Pad FHD 10 WiFi & 4G/LTE – Sono due varianti dello stesso device, differenti per i protocolli di connessione supportati: al primo, insomma, manca il 4G/LTE. Sono acquistabili dal 29 agosto rispettivamente a $299 e $399 — orientati ai power user e ai videogiocatori. Entrambi montano un processore Intel a 1.6GHz con 2Gb di RAM, sono proposti in tagli da 16Gb e 32Gb espandibili via MicroSD e implementano il Miracast. Le fotocamere posteriori/anteriori sono da 5Mpixel in Full HD e 1.2Mpixel e l’acquisto garantisce 5Gb gratuiti con la cloud di ASUS WebStorage.

I tablet di ASUS, tra quelli presentati all’IFA 2013 e quelli già proposti in estate, sono caratterizzati dall’alta definizione: l’azienda non ha mostrato dei prodotti completamente nuovi, ma un aggiornamento delle gamme Fonepad e MeMO Pad — anche a Berlino. Ieri ho potuto “giocare” un po’ con tutti, però io preferisco descrivere l’esperienza di MeMO Pad HD 7 che ho tra le mani e posso giudicare con maggiore cognizione. Un aspetto eccezionale dell’intero catalogo è la leggibilità dei device, perfetti nelle peggiori angolazioni.

Alla piena luce del sole, MeMO Pad HD 7 non è proprio il migliore della gamma: è una giornata piuttosto assolata e, uscendo in terrazzo, non sono riuscito ad apprezzare le caratteristiche vantate da ASUS. In compenso, posso leggere lo schermo inclinando il tablet di 30° in altezza e 60° in larghezza. Scherzando, Alessandro Salsi lo definiva «ottimo per copiare» a scuola — e devo confermarlo! L’unico problema che ho incontrato riguarda la Read-Only Memory (ROM) personalizzata da ASUS, che non è paragonabile alla stock di Android.

Io sono “fissato”, quindi è difficile accontentarmi con una ROM diversa da quella predefinita — che sia di ASUS, HTC o Samsung non ha importanza. Le applicazioni installate sono pure interessanti: oltre ad Amazon Kindle, MeMO Pad HD 7 propone App Backup e App Locker più una serie di contenuti per la gestione delle fotografie o della produttività. Potrei descriverle singolarmente, ma continuo a preferire Instagram o Evernote. Spero che ASUS aggiorni Android alla versione 4.3 che lo trasformerebbe in un discreto tablet domestico.