Google compie 14 anni ma per l’azienda c’è ben poco da festeggiare oggi, visto che le autorità brasiliane hanno deciso si arrestare il Presidente di Google America Latina. Ecco un resoconto dei fatti. 

In queste ore si vociferava dell’arresto di Fabio Jose Silva Coelho, presidente di Google America Latina, da parte delle autorità brasiliane che hanno mal digerito la sua opposizione ad una richiesta del governo: togliere da Youtube dei video diffamatori di uno dei candidati alle elezioni che si terranno in ottobre.

Ancora una volta non è proprio Google ad essere messo sotto torchio, quanto piuttosto il suo servizio di condivisione di video Youtube. Sul Tubo, nelle scorse settimane, era stato diffuso il film antimusulmano che ha determinato l’attacco degli integralisti ad alcuni presidi a stelle e strisce in Medio Oriente.

Adesso, invece, è la volta di Fabio Jose Silva Coelho che sembra non aver bloccato i video diffamatori caricati e riferiti ad Alcides Bernal che sarà in corsa per elezioni municipali di Campo Grande con il Partito Progressista. Una legge del 1995 impedisce queste attività.

Il giudice chiamato a dirimere la questione ha disposto non solo l’arresto del presidente della divisione brasiliana di Google ma ha anche chiesto l’oscuramento di Google e di tutti i suoi siti e servizi per 24 ore.