AppsBuilder è una startup italiana della quale ho già parlato, in precedenza: eroga un servizio per realizzare applicazioni da sé, senza avere competenze a livello di codice. Un aspetto che m’ha sempre lasciato un po’ perplesso è l’effettiva appetibilità delle app così concepite, perché gli utenti non premiano l’approssimazione… soprattutto riguardo al design. Ed è per questo che Hire a Pro ha subito attratto la mia attenzione. AppsBuilder permette di contattare un professionista che definisca il design delle app appena create.

Se avete generato l’applicazione con AppsBuilder, utilizzando la nuova interfaccia semplificata, potreste avere bisogno di migliorarne l’aspetto: il riconoscimento immediato del brand è fondamentale. Hire a Pro mette in contatto dei designer qualificati coi clienti per la realizzazione di icone, splashscreen, schemi di colore, ecc. da inserire nelle app. Il servizio costa 999€, un prezzo molto onesto, e garantisce dei risultati professionali in venti giorni. L’acquirente può coordinarsi col designer per chiedere delle modifiche.

Apprezzo particolarmente l’intuizione di AppsBuilder perché Hire a Pro conferma quanto ho sempre sostenuto in merito alle app fai-da-te. Tutti possono creare una app funzionante in pochi minuti, ma una campagna davvero efficace ha bisogno dell’intervento di professionisti: la presentazione del servizio cita gli stessi elementi che considero anch’io, chiamato a realizzare un’interfaccia-utente. Senza dimenticare che la stessa startup propone anche una soluzione completa per distribuire applicazioni in Business to Business (B2B).