Sei un blogger, ma non hai delle competenze sullo sviluppo “nativo”: puoi pensare d’affidarti ad AppPresser per creare una app che recuperi i contenuti pubblicati con WordPress — aggiungendo tutte le funzionalità per il multi-touch che sono previste da iOS, Android, Windows Phone o BlackBerry. È una soluzione a pagamento che per un minimo di $49 all’anno ti permette di generare l’applicazione “nativa” con la stessa semplicità dei temi, sfruttando appieno l’hardware dei dispositivi esistenti inclusa la gestione della fotocamera.

Sai che non amo le risorse preconfigurate, ma anche il migliore web designer avrebbe dei problemi a creare una app “nativa”, se non conosce Objective-C o Java. Potresti creare la tua applicazione web e risolvere il problema della compatibilità coi sistemi operativi, però se sei piuttosto pignolo impiegheresti molto tempo e non sfrutteresti tutte le estensioni di WordPress. AppPresser è compatibile con diversi plugin e utilizza PhoneGap per generare le applicazioni che poi dovrai distribuire sugli store come iTunes o Google Play.

Ha senso creare una app per un blog gestito da WordPress? Sarei portato a dirti di no, perché pochi dei tuoi lettori sarebbero disposti a installare un’applicazione per leggere gli stessi contenuti che possono avere sul browser. Tuttavia, WordPress è utilizzato anche per gestire dei siti più complessi che magari integrano dei moduli per l’eCommerce e in quel caso una app diventerebbe fondamentale. Se tu non hai delle esigenze commerciali, un domani potresti passare a Ghost, che è molto più leggero di WordPress e senza fronzoli.