Apploud è un nuovo social network realizzato per creare un punto d’incontro per la musica live e, allo stesso tempo, i musicisti possono essere pagati, sostenendo di fatto il proprio business. Il web è sempre di più il palcoscenico in cui ogni persona si può ritagliare uno spazio dedicato e, in qualche modo, mostrarsi al mondo. Apploud nasce con questo obiettivo e si definisce come un social network alternativo.

Negli ultimi anni il fenomeno dei social network è nettamente esploso in rete. Facebook, Twitter, Google+ sono diventate le principali piattaforme in cui le persone condividono le proprie idee, foto e molto altro ancora. Il web, infatti, sta cambiando e Apploud dimostra come un’idea innovativa possa trasformarsi in una realtà che fino ad oggi era sconosciuta.

Come funziona?

Come già avviene per alcuni social network, vedi Instagram, Apploud offre un feed con video che propongono musica riprodotta live, eliminando le classiche fotografie statiche e video da pochi secondi. Il live streaming è la chiave di Apploud e grazie ad una piattaforma di micro-crowfunding integrata è possibile permettere agli artisti di ricevere compensi.

Il funzionamento della piattaforma è estremamente semplice, dal momento che i fan caricano i contenuti video e possono taggare gli artisti presenti nei video. L’app aggiungerà automaticamente i link per seguire l’artista, comprare la sua musica o acquistare i biglietti per il prossimo concerto.

Apploud è un’applicazione ottimizzata e pensata per gli smartphone. Fondata da Cecilia Pagkalinawan, questa applicazione punta ad essere il luogo d’incontro tra musicisti, manager, il grande pubblico ed etichette discografiche, il tutto con l’obiettivo promuovere la musica ed offrire una piattaforma di micro-crowdfunding innovativa e, per qualche verso, sperimentale.

Schermata Apploud