Apple TV supporterà i dispositivi compatibili con HomeKit, la nuova funzionalità di iOS 8 – presentata alla WWDC 2014 – per la cosiddetta internet delle cose. Grazie all’aggiornamento, i possessori del STB (Set Top Box) di Cupertino potranno monitorare e controllare i gadget installati nel salotto di casa: significa che gli utenti di iPhone 6 e iPhone 6 Plus, come chiunque abbia potuto aggiornare il sistema operativo a partire da iPhone 4S, potranno gestire i nuovi dispositivi con un centro di controllo mostrato sul televisore.

Anche se non è prevista una nuova Apple TV nel 2014, la Mela ha ripristinato quelle funzioni di HomeKit che erano state rimosse dalla prima beta del sistema operativo. Segno che l’ecosistema è maturo per accogliere quei device che i produttori di terze parti potranno distribuire per connettere gli elettrodomestici e altri oggetti a internet: una notizia che coincide con l’attribuzione del Nobel 2014 ai fisici che inventarono il LED a luce blu. Qual è il nesso — e perché questo aggiornamento cambierà le abitudini dei consumatori?

Facciamo un passo indietro. La domotica e la internet of thing possono essere rappresentate da innumerevoli strumenti, ma fra i primi aspetti a essere stati considerati c’è proprio l’illuminazione: gli Smart Bulb di LG e Samsung potranno essere controllate da iPhone e Android, appoggiandosi a soluzioni come HomeKit. Un’opzione che garantirà il risparmio energetico e il controllo in tempo reale della bolletta per la luce elettrica. Ecco perché il LED di Isamu Akasaki, Hiroshi Amano e Shuji Nakamura è importante pure su Apple TV.

Photo Credit: Julien Gong Min via Compfight (CC)