Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, Apple starebbe lavorando ad una nuova funzione di iPhone che permetterebbe agli utenti di scambiarsi il denaro fra di loro.

Il servizio – stando a quanto riferito dall’indiscrezione sul Wall Street Journal – avrebbe un funzionamento simile a quello di Venmo di Paypal. Grazie a Venmo, infatti, gli utenti (americani) sono in grado di inviare pagamenti privati, ovvero non verso una società commerciale. Una formula di pagamento molto utilizzata per condividere le spese di una cena, di un viaggio o affittare una stanza. Se il denaro utilizzato viene prelevato da un conto corrente bancario, non è prevista alcuna commissione, mentre nel caso di una carta di credito è prevista la commissione del 3%.

Apple starebbe dunque lavorando a qualcosa di simile ovviamente con il valore aggiunto dell’ecosistema Apple all’interno della piattaforma di mobile payment Apple Pay (disponibile per ora solo in USA e UK). A differenza del servizio Apple Pay, però, la mela morsicata con questa nuova funzione vorrebbe offrirsi alle banche senza alcun costo e sfruttando il sistema di pagamento fra persone a costo zero clearXchange. L’idea – fa sapere il WSJ – è di sostituire idealmente, con iPhone, un accessorio che da moltissimi anni fa parte della quotidianità di ognuno di noi: il portafogli.

Il nuovo servizio di pagamento fra persone potrebbe essere disponibile dal prossimo anno e sono ancora da chiarire alcuni aspetti spigolosi legati a privacy e fisco.