Apple sta per approdare sul mercato delle TV a pagamento. Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, infatti, sembra che la società di Cupertino stia per proporre un’alternativa alle televisioni via cavo americane, che sarà disponibile a partire dal mese di settembre.

Si tratta di un servizio di TV streaming che contiene una serie di canali statunitensi e che potranno essere visti su tutti i device targati Apple. Secondo le indiscrezioni di WSJ, la mela morsicata avrebbe già stretto accordi con diversi canali e attualmente il bouquet conterebbe già 25 tra i principali canali tv USA (alcuni come NBCUniversal hanno però declinato la proposta di accordo), e il prezzo potrebbe aggirarsi attorno ai 30-40 dollari al mese. Cifre vicine a quelle delle altre pay tv, ad eccezione del fatto che i contenuti potranno essere visionati in streaming e non attraverso la tradizionale TV via cavo.

Per quel che riguarda il mercato europeo, ancora non si hanno informazioni chiare e inoltre Apple non ha confermato nemmeno la possibilità del servizio TV negli USA. Nel Vecchio Continente, però, la TV via cavo è praticamente una rarità, e nella maggior parte dei casi le pay TV funzionano con ricevitori satellitari o al digitale terrestre, il che garantisce una miglior fruizione dei contenuti rispetto allo streaming. In Italia, ad esempio, Sky e Mediaset offrono già la versione streaming dei loro servizi, il che chiude già in partenza la strada a possibili competitor; anche se Apple ha sempre il suo fascino e inoltre la società di Cuepertino potrebbe puntare a lanciare sul mercato una nuova Apple TV con tanto di decoder incorporato.