La salute è un aspetto sempre più importante per Apple. L’applicazione dell’universo della mela morsicata dedicato alla salute, che si chiama appunto Salute, propone agli utenti di diventare donatori di organi.

La proposta di Apple è disponibile per ora solo negli Stati Uniti d’America e l’attivazione prevede di iscriversi al registro nazionale dei donatori di organi. “E’ un problema serio, che colpì anche Steve Jobs nel 2009 quando ci fu una lunghissima attesa per procedere con il trapianto di fegato”, spiega l’iniziativa il CEO di Cupertino Tim Cook. Lo stesso attuale numero uno di Apple fa sapere che si offrì in prima persona a donare una parte del suo fegato, ma Jobs rifiutò e decise di trovare un altro fegato compatibile. Jobs si sottopose all’intervento nel 2009, ma purtroppo l’operazione non fu sufficiente e morì nel 2011.

Gli Stati Uniti d’America stanno promuovendo queste iniziative per spingere gli utenti della mela morsicata ad iscriversi al registro di donatori di organi, in modo che per i medici sia più facile trovare donatori compatibili. Questa nuova possibilità promossa da Apple – in collaborazione con Donate Life – arriva con un aggiornamento dell’app Salute per iPhone e iPad, lanciata nel 2014, che arriverà con il nuovo sistema operativo iOS 10. Ricordiamo che iOS 10 è disponibili attualmente solo per gli sviluppatori e per gli utenti normali arriverà solo dal prossimo autunno.

Apple non è la prima ad avere a cuore la donazione degli organi: anche Facebook, nel 2012, spinse gli utenti del social network a registrarsi come donatore tramite una funzione ad hoc.