Apple ha svelato Apple Music durante il keynote di apertura della WWDC 2015. Il tanto atteso servizio di musica in streaming è realtà e l’azienda di Cupertino punta a sfidare leader del settore come Spotify. Tutto è iniziato come semplici rumors, ma Apple ha lavorato a lungo per rinnovare completamente l’app Musica, anche con l’ausilio di esperti del settore, e introdurre importanti novità, grazie anche al know how di Beats, azienda recentemente acquisita.

Apple Music è un mix tra un social network, un’app di streaming musicale e un archivio musicale. Rispetto alle attuali applicazioni sul mercato, Apple Music vuole offrire agli utenti la possibilità di avere la libreria di iTunes a portata di mano, decine di milioni di tracce audio che possono essere ascoltate in streaming o salvate per ascoltarle online. Così facendo, l’utente potrà avere tutto ciò di cui a bisogno all’interno di una singola app, invece di avere un’esperienza frammentata.

Il principale punto di forza di Apple Music è quello di essere un’app “intelligente” che offre raccomandazioni di album e playlist che potreste amara e che sono state realizzate da veri artisti, invece che semplici algoritmi. Tra le molteplici funzionalità, Apple Music permette di ordinare le singole tracce e scegliere quale sia la canzone successiva in un album o una playlist. In questo modo, l’app inizia a riconoscere i nostri gusti musicali e comprendere quali possano essere o meno le musiche preferite, il tutto in modo completamente automatico.

Inoltre, un’altra novità interessante di Apple Music è la stazione radio globale Beats 1, che effettua broadcasting non stop da oltre 100 nazioni da Los Angeles, New York, Londra e molti altri luoghi. Tra i nomi dei grandi artisti che partecipano in veste di DJ a Beats 1 troviamo Zane Lowe, Ebro Darden e Julie Adenuga.

Apple Music: connessione tra fan e artisti

Ciliegina sulla torta di Apple Music è Connect, il nuovo social network integrato all’interno dell’app che permetterà di seguire artisti di tutto il mondo. Quest’ultimi potranno condividere canzoni, fotografie , nuovi remix, video e molto altro ancora. La componente social è forte ed Apple punta molto sull’integrazione, visto che anche gli utenti avranno la possibilità di commentare gli stati degli artisti preferiti. La particolarità di Apple Music è quella di offrire agli artisti l’opportunità di esprimere loro stessi e creare una relazione con i fan che può durare nel lungo periodo.

Apple Music: dal 30 giugno in oltre 100 nazioni

Apple Music si unisce ad iTunes Store e la nuova piattaforma di musica in streaming di Apple sarà disponibile a partire dal 30 giugno in oltre 100 nazioni. Per quanto riguarda la compatibilità, Apple Music sarà compatibile con iPhone, iPad e iPod Touch. Inoltre, Tim Cook ha annunciato che saranno disponibili applicazioni per Windows e Android, durante l’autunno. Così facendo, Apple amplia la propria strategia cercando di conquistare la più vasta platea possibile, lanciando la sfida a Spotify e tutte le app che offrono musica in streaming.

Il prezzo di Apple Music sarà pari a 9.99 dollari al mese e i primi 3 mesi saranno gratuiti. Ovviamente, in Italia, ci aspettiamo un cambio alla pari con un prezzo mensile di 9.99 euro. Le famiglie, fino a sei persone, potranno condividere un’account famiglia al costo di 14.99 dollari al mese.

Infine, anche coloro che non sono membri potranno utilizzare Apple Music per seguire gli artisti preferiti e ascoltare la radio Beats 1 gratuitamente.