Se ne parla ancora un po’ poco perché tutta l’attenzione verte per il momento sul nuovo iPhone 6, in odore di uscita dopo l’estate in una nuova versione con schermo da 4,7 pollici (e forse con un gemello da 5,5 pollici). Intanto però l’iPad Air 2 sembra essere già entrato in produzione, stano almeno a quanto riportato da Etnews, che però non fa menzione dell’avvento del Touch ID su iPad, atteso da tutti, pluri rumoreggiato e secondo alcuni anche confermato da Apple con la presentazione delle API di iOS 8 che consentiranno ad app di terze parti di interagire con il sensore per le impronte digitali.

Non dovrebbe trattarsi di un grandissimo aggiornamento, come per altro da stile Apple. Nessun nuovo prodotto viene infatti completamente rivisto l’anno dopo, ma i successori hanno sempre un qualcosa in più. L’idea è che dovremmo cambiare dispositivo ogni due anni, se siamo dei power user, o anche ogni tre o quattro, per quanto riguarda gli utenti “normali”, visto che le nuove versioni dei sistemi operativi di Apple funzionano di solito almeno sugli ultimi tre modelli di uno stesso prodotto.

La più grossa novità per quanto riguarda l’iPad Air 2 dovrebbe essere il processore. Questo sarà l’A8 che uscirà prima sull’iPhone 6. Nessuna novità per il display, prodotto da LG, Samsung e Sharp, che resterà da 9,7 megapixel, con risouzioene 2048×1536 p e densità di 264pp.

Cambierà invece la fotocamera, che sarà di 8 megapixel. Leggero miglioramento anche per quella frontale, che passerà da 1.2 a 1.5 megapixel, favorendo così un miglioramento delle immagini quando usiamo l’iPad per le videochiamate.

È un rumor credibile? Forse. Apple potrebbe in effetti presentare un prodotto del genere, ma rischierebbe di deludere non poco i propri fan, così come accaduto per quanto riguarda l’iPad 4 (mai chiamato così).