Apple potrebbe confermare, con l’uscita di iPad Air 2, le caratteristiche di cui già avevamo parlato nei mesi scorsi: non sarà un tablet da «wow», ma soltanto un aggiornamento del predecessore. Deluderà le aspettative degli utenti? È ancora presto per dirlo, specie perché alcuni dei miglioramenti in cantiere sono più importanti di altri. Un esempio è il processore A8 a 64-bit, che succede ad A7 di iPhone 5S e porta la nuova architettura di iOS 8 [vedi gallery] su iPad. Un boost prestazionale che non può affatto essere ignorato.

I dubbi sugli scarsi elementi di novità proposti con iPad Air 2 derivano dalle immagini pubblicate su Weibo – il Twitter cinese – da un utente che avrebbe immortalato la futura scocca posteriore del tablet. L’unica differenza col modello in listino sarebbe nella disposizione dell’altoparlante, unico e non doppio: sarebbe riduttivo giudicare un prodotto da una fotografia di cui non abbiamo conferme. Il problema del successo è fortemente legato alle aspettative dei fan della Mela abituati alle rivoluzioni annunciate da Steve Jobs.

Le altre novità che probabilmente caratterizzeranno il tablet, sempre nelle dimensioni da 9.7″, sono l’inserimento del Touch ID di iPhone 5S e l’aumento della risoluzione delle due fotocamere — anteriore e posteriore. Niente di trascendentale, però neppure un FAIL: è difficile dare nuova linfa a un prodotto sul mercato da quattro anni in diverse varianti. Non sarà molto d’aiuto l’uscita imminente di iPhone 6 e iWatch, device dalle grandi aspettative che sposteranno l’attenzione dei consumatori dagli altri prodotti di Cupertino.

photo credit: m01229 via photopin cc