Apple si trova a dover affrontare una nuova class action che porta all’attenzione come lo spazio di archiviazione su iPhone 6 venga occupato, per buona parte, dal sistema operativo iOS 8. Una denuncia che coinvolge l’azienda di Cupertino ma che, principalmente, potrebbe essere estesa a tutta l’industria informatica.

Sempre più spesso, acquistando prodotti di tecnologia, quali smartphone o tablet, ci accorgiamo come i sistemi operativi occupino buona parte dello spazio su disco. Questa prassi è estremamente comune tra i produttori di dispositivi elettronici, dal momento che il software e il sistema operativo vengono pre-caricati prima della vendita.

Per quanto riguarda Apple, il fatto che l’ultima generazione di iPhone 6 e iPhone 6 Plus sia disponibile anche con taglio di memoria da 16 GB ha lasciato perplesse molte persone. Con il rilascio di iOS 8, sembra che le dimensioni del sistema operativo siano aumentate al punto tale da occupare, in alcuni casi, oltre il 23,1% della capacità di memoria complessiva di un iPhone. In quest’ottica, i querelanti desiderano mostrare come tutto ciò non venga evidenziato al momento dell’acquisto, “ingannando” l’utente a comprare un dispositivo con 16 GB di memoria quando, effettivamente, ne ha solamente circa 13 GB disponibili. Lo stesso discorso vale per gli iPad e gli iPod Touch, dispositivi che hanno preinstallato l’ultimo sistema operativo di Apple.

Riprendendo gli esempi citati all’interno della class action, un iPhone 6 Plus con 16 GB di storage può contenere 12,7 GB di fotografie, canzoni, app e altri dati dell’utente. Ciò equivale a circa il 21% in meno di quello pubblicizzato. Per il modello da 16 GB di iPhone 6 sono disponibili, invece, 13 GB di spazio.

Ovviamente, questo problema non riguarda solamente Apple, bensì tutta l’industria informatica in generale, poichè ogni dispositivo che acquistiamo ha sempre una memoria disponibile inferiore a quella reclamizzata. Ora, quindi, la palla passa ai giudici che dovranno decidere se dare il via o meno a questa class action che potrebbe coinvolgere un numero più ampio di aziende.

photo credit: Joe Wilcox via photopin cc