Apple e Samsung non ne hanno abbastanza. Non ancora, almeno. Le due aziende, infatti, dopo anni a farsi la guerra, continuano a voler avere ragione dentro le aule di tribunale. Dopo la condanna per Samsung a pagare 290 milioni di dollari ad Apple, e dopo la proposta di pace con clausola di cui ci ha parlato Silvio Gulizia, dall’America, precisamente da Engadget, continuano a rimbalzare notizie sulla volontà di tornare in aula.

Cosa vuole Samsung? Ridurre la cifra che è condannata a pagare. Cosa vuole Apple? Beh, ovviamente vuole spremere il più possibile i coreani. Ma stando a quanto riporta Engadget, la giustizia americana non ne vuole più sentire. Il giudice Koh, infatti, non ha sentito il bisogno di acconsentire ad un nuovo processo tra le parti, e direi che ha fatto la cosa giusta.

Cosa sarebbe opportuno fare? Per Samsung (secondo me, ovviamente) non giocare col fuoco, per evitare che la cifra da dover pagare possa risalire, dopo essere passata da 450 milioni di dollari a 290. Per Apple, che secondo la giustizia avrebbe ragione nella disputa, la cosa più opportuna sarebbe lasciare perdere, anche se è normale, considerando che non si tratta certamente di monetine, che da Cupertino non si voglia retrocedere.

Ma considerando che non è successo una sola volta che Samsung sia accusata di aver copiato, la cosa migliore per Apple potrebbe essere cercare di concludere la già citata pace, e aspettare che l’azienda coreana compia un passo falso per tornare all’attacco.

Seguite Andrea Careddu su Google Plus Twitter

Potrebbe interessarti anche: Samsung vieta iPhone a Sochi 2014

photo credit: afagen via photopin cc