Dunque alla fine il giudice ha deciso. È stata Samsung a copiare i brevetti di Apple nel tentativo di vincere la sfida Samsung Galaxy vs iPhone. La vittoria di Cupertino non è però schiacciante: gli ingegneri di Steve Jobs avrebbero copiato anche loro una cosa da Samsung.

Ecco quali erano i cinque brevetti al centro della disputa.

Ed ecco il risultato finale: Apple batte Samsung 119 milioni di dollari a a 158.400 dollari. Cupertino ha avuto ragione in tre casi: la tecnologia che consente di linkare testi ad azioni, lo slide-to-unlock e la correzione ortografica. Per quanto riguarda la sincronizzazione dei dati il giudice non ha riconosciuto la colpevolezza di Samsung. A Apple vanno 119,6 milioni di dollari (e forse qualcosa di più perché lunedì verrà valutato il danno subito per quanto riguarda il brevetto della correzione) contro i 2,2 miliardi richiesti. Una sconfitta? Non del tutto: a Cupertino importava soprattutto affermare un principio: Samsung ci copia.

Piccola consolazione per i coreani: Apple è stata condannata per aver infranto il brevetto sulla tecnologia che consente di organizzare le foto in album. Anche il rimborso per i coreani è decisamente inferiore a quanto richiesto (6,2 milioni di euro).

Per chi desiderasse approfondire, il verdetto è consultabile on line su Scribd.