Apple ha aumentato i prezzi delle applicazioni sull’App Store Europeo. Con l’arrivo del 2015, l’azienda di Cupertino ha effettuato un aumento dei prezzi sia in Europa che in Russia e lo ha comunicato tramite un’email indirizzata a tutti gli sviluppatori.

L’App Store è uno dei negozi di applicazioni più popolari al mondo. In diretta competizione con il Google Play Store, Apple ha deciso sempre di focalizzarsi sugli sviluppatori e offrire a quest’ultimi tutti gli strumenti necessari per sviluppare software di qualità. Anche l’ecosistema chiuso, in cui ogni applicazione viene controllata da parte di un team interno di Apple permette di avere un ottimo livello di sicurezza. In questo modo, gli utenti possono scaricare le applicazioni senza alcun timore di installare software malevolo.

Uno dei più recenti cambiamenti avvenuti all’interno dell’App Store riguarda l’aumento del prezzo delle applicazioni. Infatti, se nelle scorse settimane potevano essere acquistate app a 0,89 centesimi di euro, adesso vengono vendute a 0,99 euro, mentre quelle da 1,79 euro sono passate a 1,99 euro. Anche il prezzo delle app di 2,69 euro lascia il posto a 2,99 euro.

Riepilogando, adesso le applicazioni hanno prezzi più “omogenei” ovvero pari a: 0,99 €, 1,99 €, 2,99€, 3,99€ etc… Un’altra novità introdotta riguarda va a colpire principalmente gli sviluppatori che adesso percepiscono i guadagni in base al luogo in cui vengono acquistate le app. Da ora in poi, gli sviluppatori dovranno rapportare il costo dell’app con la tassazione di ogni singolo paese in cui viene acquistata. In questo modo coloro che hanno realizzato l’applicazione dovranno sottostare all’IVA locale, tassi di valore aggiunto e tassi di cambio.

Foto da comunicato stampa Apple