Apple senza tanti proclami ha aggiornato la famiglia di computer Mac Pro con componenti hardware più recenti e performanti. Il design rimane, comunque, sempre lo stesso. Tuttavia, per quanto gradite, le novità hardware non sono di grande spessore perchè non includono nessun componente di ultimissima generazione anche se le prestazioni complessive dovrebbero migliorare. I nuovi Mac Pro si basano sempre sui processori Intel Xeon E5 e sono configurabili a seconda delle esigenze con diversi componenti hardware (RAM, memoria interna, processore…). Prodotti non certamente per tutte le tasche visto che il modello più economico costa ben 3449 euro.

Trattasi pur sempre di workstation più che di computer casalinghi ma per Apple è arrivato probabilmente il tempo di dare una svolta ai dei prodotti che sono stati presentati addirittura nel 2013 anche se poi aggiornati tecnicamente.

Apple, si è “pentita” di aver trascurato i Mac Pro ed ha deciso di correre ai ripari. Nel 2018 arriverà una linea completamente rinnovata non solo nell’hardware ma anche nella filosofia d’utilizzo. I futuri Mac Pro avranno un design modulare, cioè potranno essere aggiornati nel corso del tempo da parte degli utenti che potranno sostituire le componenti hardware interni, cosa impossibile da fare oggi. Accanto ai Mac Pro dovrebbero arrivare anche nuovi display “Pro” da abbinare alla workstation di Cupertino.

L’attesa non sarà breve ma per il prossimo anno i Mac Pro potrebbero stupire gli utenti della mela morsicata. Infine, un’inciso sugli iMac. Sembra che entro la fine dell’anno debutteranno nuovi modelli aggiornati nelle specifiche e nel design.