Le applicazioni sono diventate degli strumenti indispensabili per la vita quotidiana. Ce n’è davvero una per ogni esigenza, eppure molte, caricare sugli store di riferimento, finiscono per rimanere inchiodate alla soglia dei zero download.

Un’indagine di un’azienda neonata, la Adeven che si occupa di analisi ed advertising mobile, ha spiegato che nell’Apple Store ci sono tantissime applicazioni che una volta caricate non sono downloadate da nessuno. In pratica vivono ignorate dagli utenti, vive ma solo per modo di dire. Ecco allora che Adeven ha battezzato queste applicazioni “App Zombie“.

Il problema è che si tratta di un universo molto consistente, nonostante la prima sensazione sia che le app zombie sono la minoranza. Adeven ha dimostrato infatti che stiamo parlando dei due terzi del totale delle app presenti sul negozio virtuale della Apple.

In pratica su 650 mila app caricate ce ne sono 400 mila circa che non sono  mai state scaricate e tra queste ci sono anche quelle dai prezzi esorbitanti e provocatori: 799,99 euro.

Eppure i dati dell’Apple Store continuano ad essere positivi. Secondo Christian Henschel le app con buoni download sono soltanto 1000-2000. Gli sviluppatori che le hanno progettate continuano a guadagnare ma sono sempre gli stessi.

A giugno, soltanto per avere un’idea, l’Apple Store ha registrato 30 milioni di download per un totale di cinque miliardi di dollari di guadagno.