Di applicazioni per la sveglia ne abbiamo viste diverse negli ultimi mesi. Eppure ne continuano a uscire sempre di nuove. Al punto che ci sarebbe da chiedersi: Cosa mai deve avere un’app per la sveglia per essere buona per tutti? La risposta è forse niente, perché ognuno di noi ha bisogno della propria sveglia. Io, a dire il vero, ne uso anche più d’una.

Quella di cui vi parlo oggi si chiama Wake N Shake. Non è una novità: è uscita nel 2011, ma nelle scorse settimane ha ricevuto un aggiornamento molto interessante. Il concetto è semplice: per svegliarti davvero quest’app ti richiede di agire. Nello specifico, di shakerare il tuo iPhone fino a che una malefica barra che parte dal 20 per cento non arriva al 100 per cento.

Non commette l’errore di pensare che sia una stupidaggine. L’impegno necessario per stoppare la sveglia non è da poco. Anzi, c’è il rischio di far cascare l’iPhone se non vi concentrate per davvero.

Sia a livello grafico che di opzioni l’app è migliorata non poco. Di base è gratuita, ma attraverso in-app purchase si possono personalizzare diversi aspetti. Per ripagare l’utente del trauma, l’app permette di collezionare badge e confrontarsi con gli amici per vedere chi ne colleziona di più. Assurdo, ma indubbiamente stimolante.

Se siete in cerca di qualcosa di più semplice, ma che risponda allo stesso bisogno, vi consiglio Cleu, che per svegliarvi vi richiede di connettere i puntini.

Se invece il vostro intento è quello di svegliarvi senza traumi, nessuna di queste due app fa per voi, ma potete puntare su Zenawake.