Nelle ultime due settimane ho avuto occasione di testare la nuova versione di CoPilot Premium , la 9.6. CoPilot è sostanzialmente un rivale del TomTom: consente di scaricare le mappe che servono sul proprio smartphone e usarlo come navigatore satellitare. Vivendo in una città che non conosco sono praticamente dipendente da Waze, ma il fatto che ogni volta che la uso mi consumi i dati del mio la trovo una cosa parecchio scomoda. In ogni caso, non sono mai riuscito a passare a Google Maps o Apple Maps, benché in alcuni test l’app di Apple sia risultata migliore di Waze.

Avevo testato CoPilot qualche anno fa e non mi aveva pienamente convinto. Questa volta mi ha convinto di più. Soprattutto mi ha convinto il sistema intelligente che analizza il tragitto casa – lavoro per suggerirci sempre la strada migliore. La nuova funzione si chiama CommuteMe e consente anche di trovare Punti di interesse lungo il tragitto. Cosa utile quando capita per esempio di dover svolgere una commissione: scoprire di poterla fare lungo il tragitto o nei pressi del lavoro aiuta a non perdere tempo.

Una volta impostati gli indirizzi di casa e lavoro, CommuteMe memorizza il tragitto che facciamo, lo analizza e verifica se esiste una migliore alternativa. Una volta che ci mettiamo in cammino, il sistema analizza le condizioni del traffico per aggiustare l’orario di arrivo. Nel corso delle mie prove non sempre però ci è riuscito: l’orario di arrivo viene aggiornato a seconda del tempo perso in coda ma la previsione di arrivo non viene ricalibrata sempre in base alle variate condizioni del traffico.

L’applicazione è piena di funzioni che torneranno utili a chi viaggia spesso in auto. Fra le novità c’è da segnalare la pianificazione dei percorsi con funzione di trascinamento, vale a dire la possibilità di fissare soste intermedie trascinando il percorso sul display dello smartphone.

Io ho testato la versione Premium Europa (44,99 euro). Se volete provare CoPilot esiste una versione, CoPilot GPS, completamente gratuita e che si puà utilizza per due settimane e scaricando una sola mappa. Per avere la navigazione vocale e 3D è poi necessario un acquisto in-app (21,99 euro). Nella versione gratuita mancano tutta una serie di funzioni presenti nell’app Premium, ma che possono essere acquistate in-app:

  • Indicazioni vocali
  • Opzionale (acquisto in-app)
  • Istruzioni dettagliate
  • Visualizzazione 3D delle mappe
  • Deviazioni
  • Autovelox
  • Avvisi limiti di velocità
  • Segnali di indicazioni della corsia
  • Informazioni sulla segnaletica reale.

In generale, l’app Premium offre tanto di più del necessario. Costa parecchio, ma rispetto al navigatore è parecchio più conveniente. Il consumo di batteria è pressoché identico a quello di Waze: consiglio vivamente di procurarsi un alimentatore per auto a chi voglia acquistare CoPilot. Altro strumento fondamentale è una ventosa porta smartphone (si trovano a dieci euro) per attaccare il telefono al cruscotto.

In ogni caso, consiglio l’acquisto della versione Premium Italia a 24,99 euro anziché l’upgrade in-app, perché le opzioni aggiuntive acquisite una a una costerebbero di più. Inoltre con la versione Premium è in omaggio un abbonamento di 12 mesi ad Activetraffic, così da calcolare l’itinerario più rapido in base al flusso del traffico in tempo reale, fondamentale quando sei in viaggio e ti trovi bloccato in una fila.