Mozilla e OTOY, che mantiene un motore di rendering tridimensionale, lavorano a una nuova infrastruttura per eseguire applicazioni “native” o filmati ad alta definizione sul browser: ORBX.js non utilizza la tag <video> di HTML5 e funziona su qualunque sistema operativo. Nello screenshot, ad esempio, potete vedere una sessione di Windows Media Player integrata in Firefox. Non serviranno più codec proprietari o plugin come Adobe Flash nello streaming e, soprattutto, applicazioni complesse come Photoshop funzioneranno col browser.

Mozilla aveva già iniziato lo sviluppo di Shumway, un’estensione per Firefox che sostituisce Flash Player in JavaScript, e insieme a Epic Games aveva illustrato la possibilità d’avviare dei videogiochi come Unreal Tournament sul browser con OdinMonkey e asm.js. ORBX.js è un ulteriore salto di qualità, concepito per distruggere ogni barriera legata al sistema operativo: le applicazioni “native” e quelle web funzioneranno allo stesso modo. Una tecnologia che aumenta l’interesse attorno a Firefox OS e ai nuovi device di Geeksphone.

Se tuttora non siete convinti dell’efficacia di ORBX.js, guardate il filmato in calce: l’intero desktop di Windows 7 può essere eseguito da Firefox. Gli sviluppatori, nel prossimo futuro, non saranno costretti a scegliere tra le applicazioni “native” o web. Mozilla sostiene lo sviluppo di queste ultime, ma permette d’importare in Firefox quelle orientate al desktop o ad altre piattaforme in mobilità. Motivo per cui, secondo me, la disponibilità di smartphone con Firefox OS ha più importanza degli aggiornamenti di iOS e Android.