C’è un profilo di persone a cui Snapchat piace non perché consenta di scambiarsi messaggi amorosi con sconosciuti o peggio con conosciuti, ma perché ha dato la stura a un concetto tutto nuovo di app per la comunicazione. Basti pensare agli Instagram Direct che possono essere cancellati dopo l’invio, in caso ci fosse qualche ripensamento. E non è quello che abbiamo sempre sognato per la nostra mail?

Negli scorsi giorni è uscita un’app il cui scopo è evidente fin dal nome: Confide. Il concetto è piuttosto semplice: come le parole dette a voce svaniscono una volta che sono state ascoltate, così i messaggi scambiati tramite l’app si dissolvono una volta letti. Già, ma che differenza c’è con Snapchat?

Eccola: Confide, che pure è gratuita (per ora solo per iOS, la versione Android è in arrivo), è pensata per chi ha bisogno di scambiare messaggi di lavoro. L’app infatti non consente all’utente di mascherarsi dietro a un nickname, ma richiede l’uso della email per poter essere usata. I messaggi però sono tutti criptati e nessuno può leggerli, neppure gli sviluppatori dell’app. Confide consente di inviare messaggi a chiunque abbia un’indirizzo mail: questi però per leggere il messaggio deve prima scaricare l’app e questa cosa potrebbe garantirne la diffusione.

Gli sviluppatori di Confide hanno inoltre studiato un modo di impedire gli screenshot, attraverso un sistema di lettura definito swipe to read: praticamente puoi leggere il testo del messaggio solo passandoci sopra con il dito. E se poi provi comunque a fare lo screenshot, l’app avvisa il mittente. Il quale comunque riceverà sempre la notifica di lettura.

Sì ok, ho già capito: state pensando di usarla per le vostre scappatelle. In effetti, ora che Snapchat la conoscono tutti, c’è il rischio che mariti e mogli infedeli ripieghino su queste nuove app. Unico problema: restano le ricevute di ritorno, anche se possono essere cancellate.

Seguite Silvio Gulizia su Twitter e Google+