Design, algoritmo e usabilità: sono queste le tre caratteristiche che un’applicazione deve avere. Summly le ha tutte e tre. Si tratta di un’app appena uscita e che sfrutta un algoritmo basato su machine learning e natural language processing per creare sommari degli articoli pubblicati on line.

Ci vuole un pochino per capire come funziona. Tutto gira intorno agli swipe. Per fortuna c’è un video (fichissimo) che spiega come funziona l’app. A dire la verità, l’ho visto un paio di volte, poi ho consultato il tutorial e alla fine sono tornato sul sito. Fate prima a leggere questa pagina.

Secondo il Guardian, e sono pienamente d’accordo, è un’app in grado di rivoluzionare il modo in cui ci informiamo. A patto ovviamente di usarla insieme a Instapaper o Pocket.

È possibile leggere sommari dalle sezioni proposte o creare topic con parole chiave. È tutto in inglese, ma per gli appassionati di tecnologia questo non può rappresentare un ostacolo. Per leggere l’intero articolo basta uno swipe verso il basso.

L’applicazione è gratuita e al momento disponibile solo per iPhone, ma la versione per Android arriverà a breve.

Note stonata. L’integrazione con Facebook non mi piace. Ti permette di postare sommari automaticamente su Facebook. Però così mi priva del controllo su cosa condivido, anche se si tratta di quello che leggo. Tutt’al più l’avrei capito con Twitter.

Vi avevo parlato qualche giorno fa delle migliori app per informarsi. Occorre aggiungere queste che è una delle più originali che abbia mai visto.