Se come me continuate a essere insoddisfatti della vostra app per l’email sull’iPhone oggi potreste trovare nell’App Store o nel Google Play quello che fa per voi. Si chiama Evomail e ve ne avevo già parlato tempo fa. In giornata uscirà la nuova versione dell’app Evomail+ introduce interventi di non poco conto. Le due novità che mi sono piaciute di più (ho fatto da beta tester per l’app) sono l’introduzione della inbox unica come opzione di visualizzazione e il browser interno che permette di vedere un link e tornare subito indietro per rispondere alla mail che stavate leggendo.

Se non avete provato prima Evomail vi riassumo in breve i motivi per cui potrebbe piacervi:

  • Supporta Gmail, Yahoo, iCloud e IMAP;
  • Consente di accedere a tutte le cartelle / etichette;
  • Offre due swipe-to-action personalizzabili, per cui consiglio cancella e sposta in una etichetta;
  • Ha diverse impostazioni avanzate come rispondere a tutti di default e invia/etichetta e archivia;
  • Nell’Inbox unificata divide per colori le mail di ogni account;
  • È possibile allegare file da Dropbox e Box.net;
  • Consente di procrastinare una mail, facendola sparire dall’inbox e ritornare quando la vogliamo sottomano.

L’app offre una visualizzazione quasi perfetta delle mail, a differenza per esempio da quella di Google che non ha una buona formattazione. Inoltre è tutta costruita attorno agli swipe. Così per rispondere a un’email aperta è sufficiente fare uno swipe verso sinistra. Non mi piace però il modo in cui ciò avviene: l’app infatti effettua un inutile passaggio tramite la selezione dei destinatari. Un’altra novità molto è interessante è la possibilità di filtrare le email per non-lette e preferite.

C’è un’altra cosa che non mi piace molto, anche se ha un suo perché. Si tratta del bottone blu che dovrebbe servire a fare tutto. La sua presenza mi sembra un’ottima idea, ma l’implementazione mi lascia un po’ perplesso. Funziona su iPhone 5/5S/5C, ma su 4/4S ruba troppo spazio. Così come rubano troppo spazio le icone dei mittenti che sì, saranno anche carine, ma in fondo mi interessa più quello che dicono e poter leggere l’email in preview è molto più comodo che vedere l’immagini di chi le ha mandate. Mi piacerebbe avere l’opzione di disattivarle.

Avevo già incluso Evomail fra le migliori app mail per iPhone e dal mio punto di vista con questo aggiornato gli sviluppatori hanno fatto un notevole salto verso il primo gradino della mia speciale classifica. Continuo a preferirle Mailbox per la semplicità e l’essenzialità, ma ora Evomail ha qualcosa in più, anzi tanto di più. Soprattutto in prospettiva: da quando è nata Mailbox non ha fatto passi avanti, mentre gli sviluppatori di Evomail hanno dimostrato attenzione agli utenti e lavorato sulle richieste di questi. È una bella battaglia. Come si dice in questi casi però, fra i due litiganti il terzo code: personalmente continuerò a usare come app principale Dispatch, che però costa 4,49 euro e quindi non è confrontabile con un’app che è gratuita.

La cosa più interessante di Evomail però è che gli sviluppatori stanno progettando l’app per Mac e Windows. Quando ci fosse l’app per Mac credo che abbraccerei senza dubbio il sistema.

Seguite Silvio Gulizia su Twitter e Google+