Se anche solo una volta vi siete fermati a guardare incantati un acquarello, presto potrete farlo davanti alle foto che avete scattato con il vostro iPhone. Negli scorsi giorni infatti ha debuttato sull’App Store Waterlogue, un’app degli stessi sviluppatori di Percolator e Popsicolor, due app che non ho mai amato, ma che sono molto popolari fra gli appassionati di iPhoneography. Waterlogue invece è una di quelle app da avere assolutamente, ma delle quali non dovete abusare.

L’interfaccia è semplice e veloce da imparare. Potete importare la vostra foto o scattarla sul momento tramite la fotocamera dell’iPhone. Se volete ci sono delle ottime foto di esempio su cui smanettare per prendere pratica con l’app. Tutto sommato non ce n’è bisogno. Una volta caricata la vostra foto, questa verrà automaticamente dipinta in modo “naturale”. Per applicare un effetto basta tappare su questo e comparirà la preview: per applicarla basta tapparci sopra. Per scartarla è sufficiente uno swipe. Non tutti gli stili sono adatti a tutte le foto: l’unica difficoltà dell’app è capire quali filtri sono capaci di aggiungere un senso alla foto che avete scelto. E non è detto che ci riusciate: per alcuni tipi di foto proprio l’app non è adatta. Se il filtro che avete applicato non vi piace, potete tornare indietro e indietro con un semplice swipe. Scelto lo stile, avete la possibilità di dosarlo e aggiungere o meno un bordo bianco. Ultimo tocco il bilanciamento del colore. Questa fase è molto importante perché molti stili tendono a sbiancare la foto, ma con lo strumento luminosità potete recuperare il colore perso. In questo caso però non affidatevi alla preview perché non sempre il risultato è quello. Consiglio di fare diversi tentativi.

L’app ha un’unica nota dolente: è lenta. O meglio, con quello che fa è pure veloce, ma nonostante abbia un iPhone 5S devo aspettare una decina di secondi per avere la foto elaborata. Ne vale però la pena e credo che difficilmente si potrebbe fare meglio. Le impostazioni poi sono nascoste: le trovare sotto al cuoricino. Qui potete impostare la qualità dell’immagine, che può essere salvata fino a 3.584 pixel per il lato più lungo in JPG. Potete anche salvare in formato PNG.

In Italia Watercolor non ha ancora avuto grande attenzione, ma all’estero è già esplosa la mania. Non mi stupirei di vedervi tutti questa sera a postare su Instagram le vostre foto con l’app ;) Watercolor costa 2,69 euro ed è in linea con le altre app del genere. Le foto che vedete in questa gallery sono state tutte realizzate con l’app di John Balestrieri e Robert Clair. Giudicate voi. Io l’aggiungerò sicuramente alla mia lista delle migliori app per iPhoneography.

Seguite Silvio Gulizia su Twitter e Google+