Chi possiede e si diverte con iPhone sa che esiste un’applicazione sull’Apple store che consente di scovare i plagi.

A quanto pare è stato inventato anche un software che riesce a scovare gli oggetti anticati che di antico, in buona sostanza, hanno solo l’arte di ingannare.

L’applicazione di cui stiamo parlando si fonda su un database di marchi e loghi.

Fotografando un logotipo con l’iPhone, quindi, si può sapere se quel che vediamo è un prodotto originale oppure se è la brutta copia di qualcosa che già è in commercio.

Adesso è stato sviluppato un software che serve a scovare i tarocchi.

In pratica il programma riesce a capire se si trova davanti ad un oggetto autentico, per esempio una vera opera d’arte, oppure se l’oggetto analizzato è l’ennesimo falso.

Lo sviluppo è curato dai ricercatori dell’Istituto di Chimica ed Ingegneria di Singapore, professionisti che abitano davvero a due passi dalla nazione in grado di “clonare” qualsiasi cosa, la Cina.

Il software, sicuramente, troverà spazio nei musei, dove è interessante capire se ci sono pezzi contraffatti.

Tutto si fonda sull’analisi chimica che, almeno nelle premesse, sembra efficace ed accurata. La tecnica è stata comunque testata proprio su ceramiche cinesi appartenenti alla dinastia dei Ming.