Prima o poi doveva succedere, sembra che suggeriscano questo le recensione relative alle applicazioni per Android pirate che hanno portato diversi dollari nelle tasche degli hacker. Il software libero o meglio la sua versione mobile, non è al sicuro dalle frodi informatiche. Una serie di applicazioni sviluppate per il sistema operativo Android e commercializzate sull’Android Market, sono state taroccate e usate in modo frauodolento.

In pratica al momento dell’uso di una certa applicazione, l’utente si trovava a inviare inconsapevolmente dei messaggini al costo di circa 3 sterline che vuol dire 3,5 euro. A rivelare questa novitàè la BBC che ha tenuto d’occhio gli studi della compagnia americana Lookout.

Questa si occupa soprattutto di sicurezza nell’ambito della telefonia mobile e dice che il software che ha determinato la violazione delle applicazioni, è stato probabilmente sviluppato in Russia.

Google da parte sua ha provveduto a rimuovere le applicazioni corrotte da circa 14 mila telefonini, ma i competitors dell’azienda di Mountain View hanno preso la palla al balzo per incrementare il loro parco utenti a scapito di Google. Windows ha promesso un telefono in omaggio a chi su Twitter documenterà la sua esperienza con le app crackate.

Un modo originale e strategico per presentare in rete i prodotti e connotarli in modo “sicuro”.