Andy Rubin, uno dei principali co-fondatori del progetto Android, abbandona Google per focalizzare l’attenzione e le sue energie in un nuovo progetto. L’addio era già nell’aria da qualche mese e il CEO Larry Page ha ringraziato l’ex-dirigente per aver creato il più famoso sistema operativo presente su smartphone e tablet.

Dopo le indiscrezioni circolate nelle scorse settimane, il papà di Android, Andy Rubin, abbandona Mountain View. Sono passati circa dieci anni da quando il progetto, da lui fondato, è nato e cresciuto rapidamente, diventando il sistema operativo mobile più popolare al mondo ed ha contribuito anche al successo della stessa Google.

La storia di Andy Rubin, all’interno di BigG, inizia nel 2005, anno in cui è entrato a far parte del gruppo di lavora sul progetto Android ed ha continuato, fino a marzo 2013, a guidare l’intero team di sviluppo. Tuttavia, dopo gli anni spesi nello sviluppo di Android, è stato sostituito da Sundar Pichai, responsabile del sistema operativo Chrome. Il passaggio da Rubin a Pichai aveva alimentato le speculazioni sulla possibile convergenza tra Chrome OS e Android.

A differenza di Rubin che ha continuato a lavorare per Google nel settore della robotica, Sundar Pichai è diventato rapidamente il responsabile di tutti i progetti. Dopo Google, Andy Rubin realizzerà un incubatore per startup specializzate in tecnologie hardware, con molta probabilità nell’ambito della robotica.

photo credit: Joi via photopin cc