Android 6.0 Marshmallow è l’ultima declinazione del sistema operativo mobile di Google. Rispetto ad Android Lollipop dal punto di vista del design cambia davvero molto poco in quanto Big G si è concentrata a lavorare “sotto il vestito” per ottimizzare e rendere più efficiente l’intero sistema operativo con l’obiettivo di offrire un’esperienza d’uso migliore andando a risolvere tutti quei piccoli problemi di cui si lamentavano gli utenti.

Android 6.0 Marshmallow: Design

Come evidenziato poche righe fa, il nuovo sistema operativo di Google non presenta molte differenze rispetto al suo predecessore ed in molti casi solo gli occhi molto attenti dei più esperti sono in grado di riconoscere le principali differenze. Per esempio, Big G ha leggermente modificato il lock screen che su Marshmallow include la ricerca vocale di Google eliminando le altre scorciatoie rapide. Un evidente segno di come i comandi vocali sono molto importanti su Android. Piccoli ritocchi anche per l’interfaccia home dove la barra di ricerca Google è stata leggermente rivista. Anche l’App drawer è stato ottimizzato ma anche in questo caso le modifiche sono davvero minimali. Per esempio, la lista delle applicazioni installate può essere sfogliata verticalmente invece che orizzontalmente.

Qualche ottimizzazione anche sul fronte delle notifiche. Il menu delle notifiche è diviso in due sezioni proprio come nella precedente release di Android. L’area delle notifiche evidenzierà tutte le informazioni relative alle applicazioni, che potranno essere ingrandite con un semplice tap per accedere all’applicazione indicata. Nella stessa area sono visualizzate anche tutte le notifiche relative al sistema operativo (WiFi, Bluetooth…). Presenti anche le impostazioni rapide, personalizzabili, che permettono di eseguire alcune funzionalità con un singolo tap.

Presente anche l’opzione System UI tuner, accessibile premendo a lungo la rotellina delle impostazioni nella barra delle notifiche, che permette di personalizzare alcuni aspetti grafici dell’interfaccia. Rispetto a Lollipop, Android 6.0 Marshmallow introduce maggiori animazioni ed effetti di transizione. Effetti grafici che permettono di rendere l’esperienza del sistema operativo più uniforme ed appagante.

Android 6.0 Marshmallow: Easter Egg

Anche l’ultima declinazione del sistema operativo mobile di Google contiene un Easter Egg. Recandosi in Impostazioni-> Info dispositivo e tappando più volte la voce “Versione Android”, gli utenti potranno attivare un giochino in stile Flappy Bird dotato di una grafica molto particolare.

Android 6.0 Marshmallow: Prestazioni

Una delle principali lamentele rivolte a Lollipop verteva sull’alto consumo del sistema operativo che pregiudicava in molti casi l’autonomia complessiva dei dispositivi mobile. Android 6.0 Marshmallow ha introdotto, quindi, Doze, una tecnologia che permette di ottimizzare i consumi energetici. Semplificando, il sistema operativo è in grado di ridurre l’attività in background quando il dispositivo non è utilizzato per un certo lasso di tempo mantenendo però attive alcune funzioni che possono essere personalizzate dagli utenti.

In altri termini Android 6.0 Marshmallow è in grado di “addormentare” le applicazioni per consentire un certo risparmio energetico. Tuttavia, questa funzione potrebbe causare ritardi nell’arrivo delle notifiche di alcune app. Il sistema operativo permette, quindi, di scegliere quali app non mandare mai in letargo. Ancora, con Doze si passa a USB del tipo C per una ricarica più rapida.

Inoltre, con il fine di monitorare le prestazioni del sistema operativo, Android Marshmallow permette di scoprire il consumo preciso della RAM da parte delle applicazioni.

Android Marshmallow vede le memorie SD come estensioni della memoria principale e non come memorie a parte come su Lollipop e precedenti. Dunque, gli utenti potranno installarvi applicazioni senza alcun problema. I problemi di spazio dei terminali con storage più limitato potranno così essere superati.

Android 6.0 Marshmallow: Sicurezza

Google ha lavorato moltissimo per migliorare la sicurezza del suo nuovo sistema operativo. Tra le principali novità sicuramente quella che riguarda la nuova gestione dei permessi delle applicazioni. Con Lollipop era possibile scoprire i permessi di ogni singola applicazione, mentre adesso con Android 6.0 Marshmallow gli utenti avranno la possibilità, per ogni singola app, di modificare i permessi di accesso al sistema operativo.

Inoltre, Big G ha introdotto un sistema di backup completo delle app e promesso di rilasciare aggiornamenti di sicurezza mensili. Arriva, inoltre, il supporto nativo agli scanner digitali, come quelli per le impronte digitali, da utilizzarsi per le funzioni di acquisto sicure.

Ancora, ma solo limitatamente ai nuovi dispositivi, tutto il disco sarà crittografato (discorso non valido per i dispositivi che riceveranno l’upgrade ad Android 6.0). Questa novità dovrebbe, anche, complicare la vita a chi sviluppa gli strumenti che permettono di ottenere i privilegi di root e di sbloccare smartphone e tablet per installare rom alternative.

Android 6.0 dispone anche di Smart Lock, un comodo password manager all’interno del quale salvare in forma sicura tutte le credenziali d’accesso dei siti web della rete.

Android 6.0 Marshmallow: L’integrazione con Google

Il nuovo sistema operativo di Google introduce la nuova funzionalità “Now on Trap“. In sintesi, tenendo premuto il tasto home il dispositivo mostrerà agli utenti tutti i suoi contenuti offrendo diverse tipologie di interazione. Per esempio, un contenuto di un messaggio potrà essere utilizzato per creare una nuova voce del calendario o per ottenere informazioni di qualche tipo come, per esempio, le indicazioni per raggiungere una meta partendo da un indirizzo incluso nel testo.

Android 6.0 Marshmallow include anche tante novità per gli sviluppatori tra cui nuove API che permettono di realizzare applicazioni maggiormente complesse e con più funzionalità. Inoltre, nel nuovo OS le impostazioni di Google sono state implementate nel Menu delle Impostazioni del telefono.

Android 6.0 Marshmallow è nato per funzionare perfettamente con Android Pay, la piattaforma di e-payment di Google sfruttando, magari, l’eventuale lettore di impronte digitali presenti nello smartphone.

Android 6.0 Marshmallow: Disponibilità

Il nuovo sistema operativo di Google è disponibile nativamente per gli ultimi smartphone della serie Nexus e sotto forma di upgrade per tutti i più recenti smartphone di Big G. L’aggiornamento, per i prodotti dei vari produttori, dipenderà molto dalle scelte delle aziende.