Google fa parlare di sé per le ottime performance in borsa registrate di recente. Probabilmente un successo legato al lancio di Google + che giura di far concorrenza a Facebook.

Ma non basta, il colosso di internet lancia sul mercato sempre nuovi prodotti e servizi per gli utenti dotati di dispositivi smartphone.

A dicembre, per esempio, ha introdotto nel settore dei telefoni di nuova generazione, una versione aggiornata del sistema operativo mobile a marchio Google: Android 2.3 Gingerbread.

L’adozione del nuovo SO, però, è stata graduale, infatti soltanto pochi produttori finora l’hanno “montato” sui prodotti in uscita. Per esempio la LG ha dichiarato che Gingerbread sarà applicato all’Optimus 3D da ottobre in poi.

Quali sono i miglioramenti apportati con Gingerbread al sistema Android? Gli esperti dicono che si tratta di una versione matura la cui grande novità sta nel supporto della tecnologia NFC.

L’acronimo vuol dire Near Field Communication e sta ad indicare il meccanismo per cui un cellulare appoggiato ad un oggetto riesce a percepire informazioni a riguardo.

Un’applicazione di questa tecnologia è nel pagamento dei biglietti del cinema tramite cellulare.

Chi ha avuto la fortuna di provare Gingerbread “in anteprima”, dice che è la versione di Android più veloce finora rilasciata, l’interfaccia è molto migliorata ed ora è possibile un maggior numero di integrazioni con altre tecnologie per esempio quelle necessarie per le videochiamate Voip.