Amazon ha deciso di “moltiplicare” la sua offerta musicale perché pensa di dare un po’ di grane o comunque di fare una concorrenza spietata alla Apple. Gli eredi di Jobs, dunque, hanno a che fare con un Bezos molto determinato a posizionarsi come migliore mp3 Store.

Amazon, almeno negli Stati Uniti, offre ai suoi utenti un archivio musicale di tutto rispetto che, fino a questo momento, ha impensierito non poco iTunes che comunque è rimasto il leader del mercato dei file musicali.

Sarebbe una notizia di poco conto se rimanesse confinata soltanto in America. Amazon, invece, ha ottenuto il permesso di mettere a disposizione mp3 e Cloud Player anche nel nostro paese. Si sta per configurare una vera alternativa ad iTunes?

Probabilmente sì, soprattutto se si considerano alcune parti dell’archivio. Lo store mp3 presenta sicuramente le sezioni “Bestseller” e “Novità e prossime uscite” che in sé per sé sono davvero povere, ma riescono a dare rilievo a tutta la sezione di offerte speciali che almeno in America ha fatto arrabbiare iTunes.

Le offerte speciali presentano prezzi scontatissimi, in genere si tratta di prezzi il 50% inferiori rispetto ad iTunes e al negozio fisico che si occupa della distribuzione.

E poi gli utenti hanno un catalogo veramente ricco: in questo caso la quantità di tracce disponibili esprime la validità di un archivio.