È ormai da qualche anno che il settore dell’e-commerce, il commercio elettronico, sta conquistandosi fette di mercato sempre più ampie grazie soprattutto a giganti come eBay prima e Amazon nello scenario più recente.

Quello che però pochi sanno è che l’e-commerce non attira solamente i cittadini delle grandi metropoli e città, ma anche gli abitanti dei piccoli paesini di montagna, dove magari il negozio o centro commerciale più vicino dista a molti chilometri di distanza. Ecco allora che Amazon.it diventa una vera e propria manna. La versione italia dell’e-shop di Jeffrey Bezos ha dunque pubblicato una speciale classifica che tiene conto proprio i centri abitati più remoti dove si fanno acquisti, che hanno meno di 200 abitanti.

Il Comune più piccolo dove si sono fatti acquisti su Amazon è Pedesina, in provincia di Sondrio, che con 36 abitanti è anche il più piccolo d’Italia. Dove vengono fatti più acquisti è invece a Marmora, borgo della provincia di Cuneo con 65 abitanti. Al secondo posto degli utenti più attivi è Cissone, Comune della provincia di Cuneo con 83 abitanti; terza piazza per Bard, paesino di 122 abitanti della Valle d’Aosta (è anche il comune più piccolo della regione).

Seguono in questa particolare top ten: 4) Roaschia (Cuneo, 116 abitanti); 5) Grauno (Trento, 141 abitanti); 6) Pietraporzio (Cuneo, 81 abitanti); 7) Santo Stefano di Sessanio (L’Aquila, 117 abitanti); 8) Bergolo (Cuneo, 68 abitanti); 9) Massimeno (Trento, 125 abitanti); 10) Pietraferrazzana (Chieti, 131 abitanti).

Per quanto riguarda i prodotti acquistati difficile tracciare un identikit preciso visto che si tratta di oggetti si svariata natura. In generale sono in Valle d’Aosta, Piemonte, Trentino Alto Adige e Abruzzo, Lombardia, Liguria, Molise, Sardegna, Lazio e Umbria le regioni in cui si trovano i comuni con meno di 200 abitanti più attivi su Amazon.it