Una delle cose più interessanti di questo 2014 secondo me sarà sicuramente l’entrata in scena di Amazon nell’ecosistema dei player mobile, quelli seri, quelli che fanno gli smartphone. Già ci ha provato con il Kindle Fire, e per quanto sia un device molto orientato alla lettura negli Stati Uniti le è andata più che bene. Un Amazon Phone avrebbe lo stesso destino, forse uno ancora migliore? E che caratteristiche avrebbe?

Prima di tutto (e dato che sono pur sempre un uomo molto legato al software) non si sa nemmeno se farebbe girare Android o un’altra piattaforma. Il periodo di lancio e rilascio sul mercato coinciderebbe e andrebbe veramente a nozze con il periodo in cui BlackBerry comincerebbe a concedere in licenza il proprio BlackBerry OS a produttori che non siano lei stessa; d’altra parte, però, è chiaro che Amazon ha una piattaforma basata su Android già avviata, con un proprio store di applicazioni, quindi è auspicabile e praticamente certo che l’Amazon Phone sarà commercializzato con un sistema operativo molto modificato basato su Android, esattamente come la ROM precaricata sul Kindle Fire (chiaramente senza Play Store, bensì con lo store di Amazon).

Questo fantomatico Kindle Phone, altrimenti detto Duke secondo dei leak, dovrebbe addirittura incorporare un assistente vocale sulla scia di Siri, Google Now (qui i consigli per usarlo al meglio) e Cortana – che sarà chiamato Evi, ma non solo: costerà molto poco (almeno in America; sicuramente in Europa sarà diverso) e anche se i materiali sono ignoti dai primi render che possiamo vedere nella gallery il materiale costruttivo sembra più che decente.

E il manufacturer? Non c’è ancora niente di certo. Si vocifera HTC, ma niente è sicuro e non mi sbilancerei ad azzardare ipotesi, anche perché Amazon potrebbe appaltare (o aver già appaltato) il tutto anche a Huawei o a Xiaomi.