Nel nuovo decreto legge sulla semplificazione il decreto Monti ha deciso il pensionamento dei decoder attualmente in uso e in commercio. Dal 2015, infatti, si dovranno usare soltanto modelli con standard dvd-t2 e il supporto al formato mpeg-4.Ci sono delle Regioni in Italia, come la Puglia e l’Abruzzo che non hanno ancora conosciuto il digitale terrestre o almeno si tratta di una tecnologia non ancora esclusiva per vedere la televisione. Pochi giorni, un mese circa e questa pacchia finirà.

Tutti gli italiani per guardare la televisione, dovranno avere un decoder. Il fatto è che nel decreto semplificazioni si definiscono gli standard del decoder che dovrà essere usato dal primo gennaio 2015. Si tratta del dispositivo con standard dvb-t2 e in grado di supportare il formato mpeg-4.

Che vuol dire? Che quello che abbiamo non sarà più usabile e dovremo comprarne un’altro. E perché ? Perché cambia il sistema televisivo e la banda disponibile per il broadcasting è sempre più esigua. Questo dipende anche dal fatto che si fruisce la televisione tramite tablet o con lo smartphone.

Lo standard 4G in vigore dal 2015 sarà in grado di ridurre lo spettro delle comunicazioni tv da 55 a 34 in modo da accedere anche a un maggior numero di programmi. Forse è il caso di dire che non tutti i mali vengono per nuocere.