Quando si naviga in rete può capitare di fruire di contenuti multimediali che necessitano il download del plugin Flash. E se si naviga tramite smartphone o telefono?Un plugin Flash per mobile è un progetto che la Adobe sta portando avanti da un po’, adesso però sembra voler gettare la spugna. Un po’ come la famosa industria di computer, la HP che confessa di cedere la piattaforma WebOS.

E così salgono a quota due le aziende decise a fare un passo indietro se poi si può definire una direzione per questa scelta. La Adobe ha fatto l’annuncio ufficiale: dopo due anni d’impegno nello sviluppo di un Flash Player per dispositivi mobili, si abbandona il progetto.

Il cammino della Adobe aveva coinvolto molto anche la Apple di Steve Jobs e Jobs in persona, il quale più di una volta aveva mostrato pubblicamente il suo sostegno allo standard Web Html 5.

Adesso quindi, la Adobe concentrerà l’attenzione sullo sviluppo di applicazioni native a partire da Adobe Air e i prodotti creati andranno a popolare tutti i maggiori store, partendo proprio dall’Android Market. Cosa cambia per gli utenti?

Che chi ha uno smartphone Android e lo usa per navigare, non potrà vedere i contenuti che necessitano di un Flash Player ma il plugin resterà tra le applicazioni native. In pratica anche la Adobe andrà a mettere risorse sullo sviluppo dell’Html 5.