Oggi, Adobe ha distribuito ai sottoscrittori della Creative Cloud un aggiornamento per Photoshop CC che con la versione 14.2 ha acquisito la possibilità di stampare in 3D: fra le stampanti supportate c’è la popolare MakerBot x2 — oltre alla Cube 3D di 3D Systems. È sufficiente elaborare un progetto e salvarlo con l’estensione .STL affinché il programma possa inviarlo alla coda di stampa. Scritto così sembra facile, ma posso assicurarti che non lo è. Dovresti comunque essere in grado d’utilizzare la modellazione tridimensionale.

Difficoltà oggettive a parte, l’infrastruttura di Adobe è indubbiamente la scelta più completa sul mercato: anche Microsoft ha iniziato a interessarsi alla stampa 3D e, insieme, le due soluzioni propongono un ambiente ideale per i maker. Hai già in mente d’acquistare una stampante? Complice la crisi, il crafting è diventato un’opzione ancora più allettante per “inventarsi” un lavoro. Photoshop CC è un programma molto conosciuto… e utilizzarlo nel 3D printing facilita un tuo approccio al mercato. Certo, il costo non è bassissimo.

Fortunatamente, Adobe permette d’abbonarsi a un singolo programma e potresti avere Photoshop CC per 24,59€ al mese. È il prezzo per l’utenza privata, mentre le piccole e medie imprese devono pagare subito la quota annuale. Sottolineo i costi, perché anch’io vorrei investire sulla stampa tridimensionale e per lavoro avrei bisogno della Creative Cloud: è giusto che tu sappia quanto costa davvero il making. A quella cifra dovresti aggiungere un minimo di $1,375 per la nuova MakerBot Mini presentata al CES 2014 (o una equivalente).