Adobe ha rilasciato una nuova patch di emergenza per Flash Player, che corregge 19 vulnerabilità critiche. Il 2015 si chiude con oltre 300 bug risolti per uno dei software più vulnerabili di sempre.

Per concludere il 2015, Adobe ha distribuito una nuova versione di Flash Player per Windows, Mac e Linux, che risolve 19 vulnerabilità critiche. Si tratta del ventunesimo update che Adobe ha pubblicato, anche se per Flash Player si prospetta una vita breve visto che il 2016 sarà l’anno dell’affermazione di HTML 5.

La patch di emergenza che è stata rilasciata da parte di Adobe punta a bloccare la diffusione dell’exploit in grado di sfruttare la vulnerabilità CVE–2015–8651. Questo bug è stato scoperto da parte di due ricercatori di Huawei e permette di eseguire codice arbitrario, qualora l’utente visiti un sito web infetto. Così facendo, il cybercriminale potrebbe ottenere il controllo completo del computer. Non solo, all’interno del bollettino vengono riportate 13 vulnerabilità “use-after-free”, una di tipologia “type confusion” e quattro di tipologia “memory corruction”.

Il suggerimento di Adobe è quello di installare le nuove versioni 20.0.0.267 per Windows e Mac, e 11.2.202.559 per Linux, Google Chrome, Internet Explorer 10 e 11 e Microsoft Edge.

Riepilogando, il 2015 si conclude con un vero e proprio “bollettino di guerra”, dal momento che sono stati scoperti 316 bug. Nel frattempo, i principali social network e siti web hanno comunicato l’abbandono di Adobe Flash Player a favore di HTML 5 e, allo stesso tmepo, suggerito agli sviluppatori di utilizzare i nuovi standard.