La Commissione Europea ha reso disponibile una piattaforma online che permette ai consumatori di risolvere problemi relativi ad acquisti effettuati in rete.

La piattaforma, che si chiama ODR, è uno sportello unico dove acquirenti e operatori commerciali facenti parte dell’Unione Europe possono esporre le proprie contestazione su acquisti effettuati online nel proprio paese o all’estero (ma sempre in Europa). Una volta esposta la vertenza, questa viene inoltrata agli organismi di risoluzione alternativa delle controversie (ADR) collegati alla piattaforma selezionati dagli stati membri secondo standard rigorosi e notificati alla Commissione.

Vera Jourová, Commissaria per la Giustizia, i consumatori e la parità di genere ha spiegato in merito a questo nuovo strumento: “La maggior parte dei consumatori che incontrano problemi con gli acquisti online non presentano un reclamo perché considerano la procedura troppo lunga e poco efficace. La piattaforma per la risoluzione online delle controversie – continua Jourovà – è uno strumento innovativo che farà risparmiare tempo sia ai consumatori che ai commercianti. Consentirà di accrescere la fiducia dei consumatori che fanno acquisti online e di sostenere le imprese che vendono all’estero, a tutto vantaggio del mercato unico digitale dell’UE”

La piattaforma ODR è molto facile da utilizzare e accessibile da qualunque dispositivo. Per pubblicare una contestazione è sufficiente compilare un modulo in tre semplici passaggi attraverso una procedura multilingua e con un sistema integrato di traduzione per le controversie tra soggetti di paesi europei diversi.

I paesi dell’Unione Europe che hanno abbracciato questa nuova piattaforma sono attualmente 17 e in futuro la Commissione e gli stati membri hanno come obiettivo quello di raggiungere la totalità delle nazioni UE. Per ora il 70% delle persone che ha utilizzato ODR si è detta soddisfatta e, in media, i casi si sono risolti in meno di 90 giorni.