99designs, il portale per l’assegnazione di design in crowdsourcing, è arrivato in Italia da nove mesi e propone un primo bilancio delle attività: da gennaio, le nuove iscrizioni sono state 6.700 e i designer hanno guadagnato complessivamente 150.000€. Sono dei segnali molto positivi per un settore in costante espansione che, nel nostro Paese, può offrire lavoro ai giovani professionisti che s’affacciano sul mercato. Infatti, «non è raro le collaborazioni iniziate su 99designs si trasformino in rapporti di lavoro continuativi».

Così sostiene Nadine Torneri, Italian Marketing Manager di 99designs: è un’opportunità interessante, specie perché lavorando da libero professionista uno dei problemi maggiori del settore riguarda l’intervallo fra una commissione e l’altra. Proprio per garantire una certa continuità ai guadagni, la piattaforma propone Swiftly – il servizio per realizzare semplici progetti da ultimare entro un’ora dall’assegnazione – anche ai designer italiani. Una soluzione immediata per ridurre i cosiddetti tempi morti, tra un lavoro e l’altro.

La versione italiana continua a “crescere” e, di conseguenza, oltre ai Pro Tools dedicati alle agenzie e alla modalità 1-to-1 per le aziende che intendono collaborare con un determinato designer sono disponibili nuove categorie — che includono infografiche, template per le e-mail e landing page. Tradotto in sei lingue, 99designs punta a incrementare il numero e migliorare la qualità dei servizi già attivati per attrarre sempre più committenti e designer. È una risorsa molto completa che offre reali possibilità di lavoro online.