Nuovo importante passo in avanti verso la fusione tra 3 Italia e Wind. Oggi, i due operatori hanno completato tutte le procedure per l’integrazione delle loro attività in Italia all’interno della nuova joint-venture che sarà il baricentro della nascita del nuovo operatore di telefonia che per numero di clienti sarà il più grande in Italia. Da oggi, dunque, 3 Italia e Wind opereranno sotto la medesima gestione. Al timone della joint-venture, Maximo Ibarra che attualmente è anche CEO di Wind. Ad affiancarlo Dina Ravera nel ruolo di Merger Integration Officer, e Stefano Invernizzi, nel ruolo di Chief Financial Officer.

Il CEO di 3 Italia, Vincenzo Novari, all’interno della nuova joint-venture rivestirà il ruolo di Special Adviser di CK Hutchison cioè dell’attuale maggiore azionista di 3 Italia.

Una volta portata a compimento, la fusione rappresenterà una più grandi operazioni di merger avvenute in Italia dal 2007. Il nuovo operatore, il cui nome non è stato ancora svelato, opererà anche sul mercato della telefonia fissa e si avallerà anche di importanti collaborazioni come quella con Enel Open Fiber.

Se la tabella di marcia sarà rispettata, la fusione sarà operativa a partire dai primissimi giorni del 2017. Tra non molto, dunque, dovrebbero essere comunicati anche tutti i dettagli tecnici per quanto riguarda l’unificazione della nuova rete e la migrazione della clientela.

Il mercato della telefonia mobile italiana, dunque, si prepara ad un importante scossone con l’arrivo non solo di questo nuovo operatore ma anche di Free Mobile che sfrutterà le torri e le frequenze in eccedenza di 3 Italia e Wind per creare una sua rete ed offrire servizi di telefonia low cost agli italiani.