Dopo la gloria, Gabriele Cirulli, autore del gioco più in voga del momento, 2048, è finito nell’occhio del ciclone per le critiche che il suo puzzle game ha ricevuto dagli sviluppatori di Threes!, il giochino popolare fra i nerd americani a cui lo stesso Cirulli ha pubblicamente ammesso di essersi ispirato. Tanto da scriverlo anche sulla pagina ufficiale del gioco. Che farà ora Gabriele, lo cancellerà come ha fatto l’inventore di Flappy Bird?

Poco male: il codice del gioco è open source e chiunque potrebbe replicarlo. Anzi, in tanti l’hanno già fatto. Vediamo però quali sono le critiche mosse a Gabriele, accusato più o meno direttamente dal team di Threes attraverso una lettera pubblica sul proprio sito, attraverso la quale hanno svelato i trucchi per risolvere 2048.

L’accusa è pesante: 2048 è peggio di un clone, è un furto. Tutto sarebbe cominciato con il primo clone di Threes, 1024 per iOS . Ci sono alcune differenze, ma molte delle cose di quel gioco, come di 2048, sono copiate da Threes, sostengono gli autori. Ecco l’elenco:

  • L’azione per muovere le carte,
  • Il raddoppio delle carte come metodo per generare la somma,
  • La fusione delle carte,
  • Gli swipe e le mosse,
  • l’impianto grafico.

A conti fatti, 1024 per iOS è uscito 21 giorni dopo Threes. 2048 è arrivato altri dieci giorni dopo. Per sviluppare Threes, denunciano gli autori, ci è voluto un anno. Per le copie meno di un mese. La differenza? Una volta capita la strategia per vincere a 2048 lo vinci quasi ogni volta che ci giochi. E puoi anche vincerlo senza starci a ragionare sopra, seguendo i trucchi che ho segnalato. Con Threes la faccenda è diversa: il gioco è pensato per andare avanti a lungo e non è risolvibile con un trucco come quello individuato per 2048.